Tavola Ouija, il gioco dell’occulto

La tavola Ouija, un gioco che può portarvi seri rischi.

 

La tavola Ouija, è una tavola che permette di mettersi in contatto con presenze oscure, questa tavola è stata creata nel XIX secolo diventata molta diffusa però nella metà XX secolo.

La tavola Ouija, è una tavola di legno che raffigura tutte le lettere dell’alfabeto, accompagnati da numeri che vanno dallo zero all’uno. Insieme a questa tavola ci sono due frasi SI e No,  questo appunto per sentire la risposta della persona con cui vogliamo metterci in contatto. La tavola ha con se una plachetta, questo è il metodo per riuscir a comunicare con gli spiriti.

In alcune occasioni, la plachetta viene sostituita da una bicchiere.

QUALE SONO LE REGOLE DI QUESTO GIOCO?

Per usare la tavola in modo sicuro ci sono delle regole da seguire e che non devono mai essere dimenticate.

Le regole sono queste:
  1. Non bisogna mai praticare la tavola Ouija da soli.
  2. Durante la comunicazione, non bisogna mai lasciare che gli spiriti escono dai bordi dell’alfabeto, in quando in questo modo sono capaci di uscire fuori dal bordo della tavola.
  3. Se la plachetta si avvicina ai quattro bordi della tavola, significa che stai comunicando con uno spirito maligno.
  4. Se la plachetta cade dalla tavola, hai lasciato lo spirito libero.
  5. Se la plachetta si avvicina sempre sul numero 8 vuol dire che a comunicare con te e uno spirito molto maligno.
  6. Ogni volta che si conclude una seduta spiritica deve essere chiusa correttamente, o si rischia di essere tormentati dallo spirito.
  7. Non usare mai la tavola Ouija in cimiteri o in luoghi dove è avvenuta un eventuale morte.
  8. Non usare mai la tavola Ouija in caso di influenza o in qualsiasi occasione ci si sente un pò più deboli. Questo potrebbe dare allo spirito via libera verso di voi, e quindi possedervi.
  9. Ogni volta che si comunica con la tavola Ouija, bisogna portare sempre rispetto agli spiriti.
  10. Non chiedere mai agli spiriti di Dio.
  11. Non dovete assolutamente mai chiedere la data della vostra morte.
  12. Non bisogna mai lasciare la plachetta sulla tavola una volta terminata la seduta.
  13. Non bisogna mai chiedere agli spiriti un pò di ricchezza.
  14. In caso utilizzerete un bicchiere di vetro per comunicare con gli spiriti, ricordate sempre di purificarlo prima appoggiandolo su di una candela.

La tavola non è assolutamente un gioco, ma è un oggetto molto pericoloso con tantissime testimonianze di persone che hanno avuto torture dagli spiriti, possessioni e addirittura sono andati in contro la morte.

A parlare di possessioni di spiriti è stato il famoso film l’esorcista, questo film viene appunto chiamato Film maledetto, per le numerosi morti e avvenimenti strani successi durante le riprese di questo film.

Ho aperto questa parentesi proprio per farvi capire che la tavola Ouija non è un giocattolo, ma è un portale che divide il mondo degli esseri umani, con il mondo degli spiriti. Quindi non utilizzatela per scherzare perchè vi potrebbe costare davvero cara.

Tantissime sono le  testimonianze di chi ha utilizzato la tavola Ouija così, tanto per provare, è questa avventura se la ricorderanno per il resto della loro vita.

Una testimonianza che fa davvero paura è quello di un gruppo di ragazzi che decise di provare la tavola Ouija così per scherzare, ma un giorno i ragazzi hanno chiesto alla tavola Ouija ciò che non dovrebbe mai essere chiesto, cioè, quanti anni di vita li sarebbero rimasti, la tavola rispose a tutti i ragazzi fino a quando arriva il turno dell’ultimo ragazzo, la tavola li rispose 10. Il ragazzo allora richiede 10 anni? E la tavola diede una risposta da far venire i brividi dietro la spalla, cioè, no, 10 giorni, e la sua morte sarebbe avvenuta tramite un incidente stradale dove una donna l’avrebbe investito. Il ragazzo era davvero terrorizzato e ogni giorno richiedeva alla tavola la stessa cosa e ogni giorno la tavola diede come risposta sempre un numero di meno, la morte del ragazzo si stava avvicinando. Il ragazzo impaurito cerca aiuto e racconta tutto l’accaduto al padre, che naturalmente non crede al figlio. Il ragazzo però fece vedere al padre la risposta della tavola Ouija e il padre allora incominciò a crederli. Il giorno dell’avvenuta morte, il padre del ragazzo proibì al figlio di andare a scuola e di non uscire di casa per l’intera giornata. Fortunatamente la storia si chiude con un lieto fine, il ragazzo e vivo, evitando così un tragico incidente. Leggenda o realtà, questa che vi ho raccontato è solo una delle tantissime testimonianze che si trovano in giro dopo l’esperienza con la tavolo Ouija. 

Prima di lasciarvi ti consiglio di vedere assolutamente il film Ouija qui sotto vi lascio il trailer di questo magnifico e pauroso film, vi spiegherà lui cosa porta giocare con la tavola del Diavolo.

Comments

comments

Lascia una recensione

1 Comment on "Tavola Ouija, il gioco dell’occulto"

avatar
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] di Kokuri-san, chiamato anche: Kirakia-sama o Shugotenshi-sama è un gioco molto simile alla tavola Ouija, con una sola differenza, la tavola Ouija, è molto pericolosa nel punto di […]