Cose che nel 2017 non dovresti nemmeno leggere! Sfogo!

Amo la vità!

Sinceramente non avrei voluto mai affrontare questi temi, non dovrebbero esistere proprio queste cose. Ma adesso basta, a tutto c’è un cazzo di limite!

Ultimamente mi stanno girando le palle per l’andazzo che il genere umano ha preso.

Ci tengo a sottolineare che io non sono un uomo perfetto e corretto, anzi, non ho pregi solo difetti. Difetti che però non vanno ad intaccare la vita altrui sia chiaro.

Le cose che proprio mi fanno incazzare sono le tendenze, le mode, la paura dell’ultimo momento.

Detto ciò, voglio esprimere più che la mia opinione la mia rabbia in merito al Terrorismo, suicidio e autolesionismo.

Terrorismo:

Qui potrei aprire un mondo, ma non lo farò. Non voglio nemmeno classificare quelle cose schifose. Voglio soltanto attaccare i media. Già dalla parola stessa “terrorismo” si evince il terrore, la paura. Oltre le persone che ci hanno rimesso la vita, ai quali va il mio più sentito cordoglio, ci vanno sotto anche gli altri. Persone smettono di vivere, vivono nella paura. L’obbiettivo di quelle cose è proprio questo far si che la paura si sparga. Come? Tramite i telegiornali che ad ogni ora del giorno parlano sempre di questo, minacce, attentati e quant’altro. Il motivo? Guadagnare sulla morte delle persone, fare audience. Questo non è altro che pubblicità.  Oscar Wilde diceva: “Bene o male purchè sene parli”. Io non dico che non sene debba parlare, ma dovrebbe essere moderato sene parla su ogni canale su ogni cosa. Lo stato come ci tutela a riguardo?

Suicidio-Autolesionismo:

Ormai questi più che problemi umani stanno diventando mode, giochi, App. Ma di cosa stiamo parlando?? Di cosa? Io questo tema lo conosco bene, forse troppo. Se mi rivolgo cosi un motivo ci sarà. La vita non è bella, non è rose e fiori, la vita è fatta di salite, sudore ma sopratutto di dolore. La depressione è una cosa seria, che questi stanno non sminuendo ma proclamando. Chiunque ha una qualsiasi forma di depressione va aiutato, deve chiedere aiuto perchè la vita è come una partita di calcio, si vince in 11 non da soli. C’è però chi vuole provare, sperimentare, questo chi disprezza, chi odia quello che ha. Questo è differente. Ok, queste cose sono sempre esistite lo so bene.  Autolesionismo non capisco proprio! Non ci riesco! Farsi del male per farsi del bene? Ma che cazzz!

Comunque queste cose ci sono sempre state ma oggi però è diverso. Si sperimenta. Oggi si ha tutto, dove sono gli stimoli, una volta se si aveva su un tavolo un pane la famiglia si riuniva, era felice e si mangiava. Se oggi su quello stesso tavolo c’è soltanto un pane lo si schifa, non si mangia, si disprezza, ci si deprime e ci si uccide. Addio quindi i valori, addio il rispetto, addio la voglio di alzarsi la mattina per ottenere quello che non si ha. Questo non è la fine del mondo, è la fine della famiglia. Una madre e un padre mi dite che cazzo vive a fare dopo che un figlio si suicida?

Questo mi gela il sangue e sinceramente mi fa molta paura.

 

Niente questo era soltanto la mia rabbia  o opinione su questi temi. Ammetto che il tutto è scritto a caldo ma era comunque una cosa che mi sentivo di dire e di fare.

Comments

comments

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami